Sunday, September 25, 2016

Ayurveda e buddismo sono figli di una comune antica e saggia madre, l’India.

Vorrei parlare di alcuni punti comuni che ho riscontrato tra queste tradizioni, in cui ho da poco iniziato ad addentrarmi.


In ayurveda impariamo che tutto in natura e’ formato da 5 elementi basici, aria, fuoco, acqua, terra e spazio, che si manifestano come dosha, costantemente in cambiamento. Lo stesso principio di costante cambiamento in buddismo e’ chiamato impermanenza, niente dura per sempre, tutto muta.
 Nel corpo umano troviamo tre dosha, vata, pitta,e kapha; combinazioni dei 5 elementi.  Quando questi sono in armonia, la persona sara’ in salute nel corpo mente e spirito.  Uno sbilanciamento di uno dei tre dosha causera’ disarmonia nel corpo e nella mente, in particolare:
-               Vata dosha: in equilibrio e’ sintomo di persona energica, in movimento. In disequilibrio a livello mentale portera’ crescita di paura e ansia, a “paralisi”.
-               Pitta: in equilibrio, persona intelligente, in disequilibrio causa crescita di rabbia, quindi perdita di lucidita’.
-               Kapha: in equilibrio persona contenta, in disequilibrio tendezza alla avarizia e insoddisfazione.

Similmente uno dei pilastri del buddismo, le 4 nobili verita’,  afferma che ci sono 3 principali cause di sofferenza  e sono:
-               Ignoranza, considerata  come miscomprensione e non accettazione della natura non permanente delle cose. La paura e’ spesso causata da questa ignoranza.
-               Rabbia che porta a valutare eccessivamente negativamente cose e persone
-               Attaccamento, ovvero tendenza a esagerare le qualita’ positive di cose o persone e individarle come fonte immutabile della nostra felicita’; che poi porta sofferenza quando la felicita’ che ottenimo diminuisce. Molto simile al concetto di avarizia.

I dosha cosi’ come le cause di sofferenza sono connessi uno con l’altro.

Infine entrambe le tradizioni  individuano fattori per raggiungere la felicita’ nel giusto stile di vita, nella consapevolezza, e nella meditazione.